La Sala del Cembalo del

A Non-Profit Project devoted to the Baroque Age
Reviews, Articles, Historical Insights, Interviews and the greatest Harpsichord Musical Archive of the World!

buttonhomebuttonmusicbuttonfaqbuttonkontaktbuttonindex

Johann Baptist Zimmermann, detail of the Nymph (1757), Schloss Nymphenburg, Munich

PLAY ALL

CARL PHILIPP EMANUEL BACH
(Weimar 1714 - Hamburg 1788)

rocodeco002

[6] “Württemberg” Sonatas
Wq. 49 (composed 1742-3, published 1744)

Sonata I in A Minor, Wq. 49/1, H. 30

  1. Moderato
  2. Andante
  3. Allegro assai

Sonata II in A-flat Major, Wq. 49/2, H. 31

  1. Un poco allegro
  2. Adagio
  3. Allegro

Sonata III in E Minor, Wq. 49/3, H. 32

  1. Allegro
  2. Adagio
  3. Vivace

Sonata IV in B-flat Major, Wq. 49/4, H. 33

  1. Un poco allegro
  2. Andante (*)
  3. Allegro

(*) Cadenza by Fernando De Luca (from 2:56 to the end)

Sonata V in E-flat Major, Wq. 49/5, H. 34

  1. Allegro
  2. Adagio (*)
  3. Allegro assai

(*) Cadenza by Fernando De Luca (from 3:23 to the end)

Sonata VI in B Minor, Wq. 49/6, H. 36

  1. Moderato
  2. Adagio non molto (*)
  3. Allegro

(*) Cadenza by Fernando De Luca (from 3:34 to the end)

[6] Kleinesonaten (Sonatine)
Wq. 64 (composed 1734, revised 1744, in manuscript)

Sonatina I in F Major, Wq. 64/1, H. 7

  1. Allegro
  2. Andante
  3. Presto

Sonatina II in G Major, Wq. 64/2, H. 8

  1. Allegretto
  2. Largo
  3. Allegro

Sonatina III in A Minor, Wq. 64/3, H. 9

  1. Allegro
  2. Andante
  3. Presto

Sonatina IV in E Minor, Wq. 64/4, H. 10

  1. Allegretto
  2. Adagio non molto
  3. Presto

Sonatina V in D Major, Wq. 64/5, H. 11

  1. Allegro
  2. Andante un poco
  3. Allegro ma non troppo

Sonatina VI in C Minor, Wq. 64/6, H. 12

  1. Allegretto
  2. Andante
  3. Presto
item_playall_dark

La maggior parte delle sonate per tastiera pubblicate in vita da Emanuel Bach non richiedono, generalmente, particolari attitudini virtuosistiche, soprattutto per le raccolte successive al 1760; queste furono spesso rivolte ad un pubblico più interessato all’efficacia della musica in termini di ‘affetti’ suscitati nell’animo, molto meno all’aspetto tecnico. Fanno però eccezione le prime due raccolte pubblicate tra il 1742 ed il 1744, ovvero le Sonate “Prussiane” (Wq. 48) e le Sonate “Württemberg” (Wq. 49), che di fatto lanciarono il musicista nella sua lunga carriera svoltasi prima a Berlino e poi ad Amburgo. Tutti questi brani presentano una insolita densità di ricchezza sia in termini di espressività che di tecnica esecutiva richieste all’interprete, probabilmente, dovute alla presenza ancora forte e decisa della figura musicale paterna nel processo creativo di Carl Philipp Emanuel. In effetti, soffermandoci sulle Württemberg qui registrate dal maestro De Luca, i punti di contatto con gli esempi di Johann Sebastian sono molteplici. Chiunque apprezzi o abbia studiato le Invenzioni & Sinfonie, non potrà non riconoscere la Sinfonia IX a 3 voci in Fa minore (BWV 795) come il modello principale a cui Emanuel si ispirò nel comporre il movimento centrale (Adagio) della Sonata V in Mib maggiore (Wq. 49/5, H. 34). È possibile scorgere altri passaggi, vere e proprie citazioni dalle Invenzioni di Bach, tanto che si potrebbero considerare queste sonate come un naturale proseguimento della musica tastieristica da Bach padre verso Bach figlio, e soprattutto verso i grandi esponenti del classicismo che studiarono le Württemberg fino ai primi anni del XIX secolo: tra questi Joseph Haydn e Ludwig van Beethoven.

L’influenza di Emanuel Bach sui compositori tedeschi del primo romanticismo è fatto noto, ma andrebbe probabilmente rivista ed approfondita da parte degli studiosi per meglio comprendere il grado di conoscenza che questi avevano dei lavori del musicista originario di Weimar. Franz Schubert in uno dei suoi massimi capolavori corali, il Gesang der Geister über den Wassern (D. 714), musica composta nel 1820/21 su testo di J.W. von Goethe, sembra citare direttamente materiale dal primo movimento (Allegro) della Sonata III in Mi minore (Wq. 49/3, H. 32): ad esempio, da questa si mettano a confronto le quattro battute 60-63 (fig.1) con quelle presenti in Schubert, proprio all’inizio della sezione “Un poco più mosso” (batt. 68-71), in corrispondenza della declamazione “Ragen Klippen Dem Sturz entgegen” (fig.2).

fig.1 - CPE BACH, Bars 60-63 in Wq. 49/3, Movt. 1

fig.2 - SCHUBERT, Bars 68-71 in D. 714

Per comodità, riportiamo qui di seguito i link alle rispettive partiture complete messe a disposizione da imslp.org:

  • CPE BACH 6 Harpsichord Sonatas Wq. 49 link
  • SCHUBERT Gesang der Geister über den Wassern D. 714 link

Gli altri brani presenti in questa pagina, intitolati in Wq. 64 come Sonatine (o Kleinesonaten), sono tra i primissimi esempi di musica per tastiera di Carl Philipp Emanuel Bach, composti all’età di vent’anni, ovvero durante il periodo trascorso a Francoforte per i suoi studi in giurisprudenza. Questa musica non fu mai pubblicata in vita dall’autore, ed è giunta a noi solo in manoscritto in una revisione successiva (1744), pubblicata in tempi moderni solo nel 1952 a Francoforte. Ci sono già alcuni spunti del cosiddetto Empfindsamer Stil, nei movimenti lenti centrali specialmente, come nel bellissimo “Andante” della Sonata I in Fa maggiore (Wq. 64/1, H. 7), anche se probabilmente molti di questi frutto della revisione finale del 1744.

saladelcembalo.org
18 settembre 2017

FERNANDO DE LUCA
harpsichord

Issue 2017-22

Recorded in Rome
July 31 - August 3 2015 (Wq. 49)
24-25 August 2015 (Wq. 64)

French harpsichord after Blanchet (1754)
built by C. Caponi (1985); Audio eng. M. De Gregorio

handelvauxhall1frenchkeybobliq

HOME & NEWS - Newsletter

cccommons

Legal Stuff - Privacy and Cookies

Many thanks to all the volunteers
of saladelcembalo.org!

buttonhome1buttonmusic1buttonfaq1buttonkontakt1buttonindex1cccommons