La Sala del Cembalo del

A Non-Profit Project devoted to the Baroque Age
Reviews, Articles, Historical Insights, Interviews and the greatest Harpsichord Musical Archive of the World!

buttonhomebuttonmusicbuttonfaqbuttonkontaktbuttonindex

Le Clavecin pour Versailles

Jean Henry D'Anglebert
(Bar-le-Duc 1629 - Paris 1691)

Pièces de Clavecin
(Paris 1689)

A son Altesse Serenissime
Madame la Princesse de Conty
Fille du Roy

FERNANDO DE LUCA
clavecin

Première Suite en sol majeur

Prelude
Allemande
Courante - Double de la Courante
Seconde Courante
Troisième Courante
Sarabande Lentement
Gigue
Seconde Gigue Gayement
Gaillarde Lentement
Chaconne en Rondeau
Gavotte Lentement
Menuet

Deuxième Suite en sol mineur

Prelude
Allemande
Courante
Seconde Courante
Sarabande Lentement
Gigue
Gaillarde Lentement
Passacaille

Troisième Suite en re mineur

Prelude
Allemande
Courante - Double de la Courante
Seconde Courante
Sarabande grave Lentement
Sarabande Lentement
Gigue
Gaillarde Lentement
Gavotte
Menuet
Variations sur les Folies d’Espagne

Quatrième Suite en re majeur

Allemande Gayement
Courante
Seconde Courante
Sarabande
Gigue Gayement
Chaconne en Rondeau
Tombeau de Mr de Chambonnieres Fort Lentement

Le Clavecin
pour Versailles
Dixième épisode

La celebre e monumentale raccolta di Pièces di Jean Henry D'Anglebert, fu data alle stampe verso la fine della sua vita, quasi a voler rappresentare la sintesi perfetta e definitiva dell'arte tastieristica sviluppata nel corso degli anni dal grande clavicembalista, organista e compositore francese, già allievo del vecchio maestro Chambonnières nonché grande amico di Lully. D'Anglebert ed i suoi Pièces de Clavecin rivestono un'importanza molteplice nel panorama musicale di quegli anni: dal punto di vista editoriale, la stampa presenta un livello di dettaglio mai visto prima, soprattutto nel modo di riportare la notazione dei préludes non mesurés e di tutta l'ornamentazione musicale richiesta dal resto dei brani. Altro aspetto innovativo dei Pièces è dato dalla idea di voler trasferire il carattere orchestrale e liutistico di certi pezzi, verso la tastiera del cembalo, operazione che riesce perfettamente e che, anzi, servirà da modello per molti compositori francesi, inglesi e tedeschi del Settecento. Sono note alcune trascrizioni cembalistiche di D'Anglebert da lavori per liuto di Mesangeau, Gaultier, Ennemond ed altri, senza naturalmente dimenticare le famose trascrizioni dalle danze orchestrali di Jean-Baptiste Lully per il quale D'Anglebert nutriva altissimo rispetto ed ammirazione. Noi qui vogliamo presentare la nuova registrazione del maestro Fernando De Luca, dei Pièces de Clavecin, suddivisi in quattro suites nelle quattro tonalità di sol maggiore, sol minore, re minore e re maggiore, mentre verranno omesse le trascrizioni da Lully (originariamente incluse nella pubblicazione del 1689) che speriamo di poter aggiungere nel futuro.

Zadok, 22 luglio 2012

  • Sheet Music on IMSLP (link)


Anno 2012-09
/ Issue 2012-09

Recorded in Rome, 2011 July 9, 11, 21-24
French harpsichord, built by C. Caponi (1985), after Blanchet (1754)
Tempérament mésotonique, Audio Engineering: M. De Gregorio

dangl2
dangl1
handelvauxhall1falernoducandevater1738

HOME & NEWS - Newsletter

cccommons

Legal Stuff - Privacy and Cookies

Many thanks to all the volunteers
of saladelcembalo.org!

buttonhome1buttonmusic1buttonfaq1buttonkontakt1buttonindex1soleilcccommons